Questa intervista fa parte di una serie di discussioni con gli sviluppatori che condividono dettagli su Il Trono di Spade – Oltre la Barriera, l’RPG strategico con personaggi collezionabili che sarà disponibile quest’anno per iOS e Android.

Se non hai seguito le nostre precedenti discussioni con gli sviluppatori, puoi leggerle qui.

Questa settimana siamo in compagnia del team creativo de Il Trono di Spade – Oltre la Barriera per parlare della modalità di gioco chiamata [Missioni di Weirwood].

In che modo gli alberi-diga si inseriscono nel contesto de Il Trono di Spade – Oltre la Barriera?

Gli alberi-diga ricoprono un ruolo molto importante nel gioco: appaiono nella prima scena che dà il via alla storia e, in seguito, consentono ai giocatori di accedere a linee temporali alternative rappresentate dagli eventi leggendari. La magia misteriosa degli alberi-diga è uno dei temi centrali del gioco.

Cosa potete dirci della modalità di gioco [Missioni di Weirwood]?

Nella serie abbiamo imparato che Brynden Rivers, Corvo di Sangue, finisce per fondersi con un albero-diga all’estremo nord, oltre la Barriera. A seguito di questa trasformazione, assume il ruolo del mistico Corvo con tre occhi. Completata la fusione con l’albero, Corvo di Sangue ottiene accesso a un’immensa conoscenza, grazie alla vista verde e a un’altra magia che probabilmente non possiamo comprendere appieno. Volevamo evocare la ricerca costante di questa antica conoscenza attraverso una modalità di gioco ricorrente. Ecco perché è nata [Missioni di Weirwood].

La modalità di gioco in sé è una sorta di dungeon giornaliero in stile Rogue. I giocatori creano un gruppo formato dalla propria squadra appositamente per la missione giornaliera, dopodiché entrano nella Foresta Stregata con l’obiettivo di trovare un albero-diga prima che i personaggi esauriscano la propria salute.

Quando i giocatori entrano per la prima volta nella foresta, non possono vedere l’intera mappa del livello. Ciascun avanzamento rivela una piccola porzione dell’area circostante. A ogni passo, succede qualcosa di casuale: i giocatori trovano un accampamento in cui possono recuperare la salute, si imbattono in un nemico, oppure trovano Mayla, la Strega dei boschi, e hanno l’opportunità di esaminare il suo assortimento variabile di oggetti rari. C’è, inoltre, un certo livello di casualità nella struttura del livello e degli incontri giornalieri, pertanto ogni esperienza di gioco risulta diversa.

In che modo si differenzia il gameplay nella modalità di gioco [Missioni di Weirwood]?

La più grande differenza tra [Missioni di Weirwood] e le altre modalità è l’atmosfera in stile Rogue. I giocatori devono gestire i personaggi prescelti proprio come avviene con un gruppo di eroi in un gioco a dungeon: l’obiettivo è avanzare il più possibile, avendo sempre maggiori probabilità di ottenere ricompense migliori mano a mano che ci si spinge in profondità.

L’obiettivo finale di questa modalità di gioco è trovare l’albero-diga, che garantisce l’ottenimento di un oggetto raro. Non c’è alcuna penalità in caso di sconfitta, oltre al fatto che non si otterranno i tesori non riscossi. Tuttavia, speriamo che i giocatori si sentiranno comunque motivati a spingersi il più lontano possibile. Il viaggio in sé diventa un altro modo per ricompensare gli sforzi dei giocatori volti a migliorare con il tempo i propri gruppi.

Cos’altro possono aspettarsi i giocatori da [Missioni di Weirwood] in futuro?

Se la modalità diventerà così popolare tra i giocatori come ci aspettiamo, intendiamo trovare un modo per consentire la collaborazione tra i giocatori in un aggiornamento futuro. L’idea di esplorare un dungeon con i tuoi amici, utilizzando la collezione di eroi de Il Trono di Spade su cui hai investito, è sembrata molto divertente a noi del team di sviluppo, ma prima aspettiamo di vedere cosa ne pensano i giocatori.